Ecco le decisioni del Governo su Imu, gasolio e Iva agricolaArticolo precedente
Manodopera stagionale, via alle richiesteArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Aumentano le importazioni di mais

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo

mais

Torino. (r.a.) Nel 2013 sono entrate in Italia 1,29 milioni di tonnellate in più.

Le importazioni in Italia di mais nel 2013 sono aumentate di 1,29 milioni di tonnellate, di cui 630.000 tonnellate dall’Ucraina, 160.000 tonnellate dalla Francia e 146.000 tonnellate dalla Bulgaria. Nel gennaio del 2014 le importazioni di mais sono aumentate di altre 36.000 tonnellate rispetto al gennaio 2013 (fonte Anacer).

Il mais era l’ultima grande commodity per la quale l’Italia poteva vantare livelli di approvvigionamento vicini all’autosufficienza, ma è ormai entrato di diritto a far parte della lista delle materie prime per le quali siamo sempre più dipendenti dall’estero. Il livello di auto-approvvigionamento del nostro Paese è sceso abbondantemente sotto la soglia del 80 per cento. Il mais è quasi esclusivamente impiegato nel settore zootecnico. Non solo la carne e il latte dipendono dai suoi chicchi, ma anche molti importanti prodotti trasformati, dai formaggi ai prosciutti dop, che sono l’orgoglio del made in Italy.

Negli ultimi 30-40 anni si è assistito ad un aumento costante delle produzioni medie, che nel nostro Paese sono passate dalle 20/30 quintali di granella per ettaro alle 120 e anche 150 quintali per ettaro. Tale progresso è stato dovuto alla sostituzione delle vecchie varietà a seme vitreo con gli ibridi a seme farinoso, molto più produttivi, ma la crescita inarrestabile avuta fino agli anni ’90 si è ormai fermata, anzi si sta verificando un’inversione di tendenza. Da ciò le importazioni.

Tra le cause del calo delle rese, l’andamento climatico, la difficoltà di proteggere il mais dalla piralide, l’aggravarsi delle infestazioni di parassiti, tra i quali la temibile diabrotica e anche alcune avversità endemiche come gli elateridi ed i virus, che i coltivatori di mais non possono più contenere efficacemente dopo il divieto temporaneo di utilizzare sementi conciate con neonicotinoidi e fipronil, ritenute una delle cause del fenomeno della moria delle api.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Nuova stagione teatrale al Civico di Vercelli

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo