CRESCENTINO: “Donne nel mondo”, un aiuto per quelle che si trovano in difficoltàArticolo precedente
L’Associazione Pensionati di Villareggia e il suo importante servizio di trasportoArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

ALICE CASTELLO: Nei boschi una tonnellata di rifiuti

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
ALICE CASTELLO: Nei boschi una tonnellata di rifiuti

ALICE CASTELLO. Da tempo gli uomini del gruppo A.I.B. (Anti Incendi Boschivi) perlustrano il territorio intorno al paese e provvedono a ripulire boschi, corsi d’acqua e radure da ogni tipo di rifiuti. Ma quest’anno la situazione è più grave del solito: disseminati tra dirupi e colline che lambiscono il vicino lago di Viverone, l’A.I.B. ha trovato enormi quantità di rifiuti. Una tonnellata di “rumenta”, che ha raccolto e accatastato in un cortile interno del Municipio. «Quest’anno – conferma il sindaco Vittorio Petrino – si può parlare di vera e propria emergenza in quanto il materiale ritrovato ha superato la tonnellata. Un’enormità». E in quell’ammasso ora accatastato nel cortile interno del municipio, c’è effettivamente di tutto: divani, al vestiario, pezzi di sanitari (lavabi e wc), batterie per automobili. Tutto materiale che si potrebbe conferire gratuitamente nelle aree ecologiche della zona (una, per esempio, si trova a Santhià) ma che viene gettato indiscriminatamente nei boschi circostanti creando degrado e inquinamento. «L’operazione di raccolta – prosegue il sindaco – per fortuna è stata svolta gratuitamente dal gruppo A.I.B. alicese guidato da Claudio Pivetta, altrimenti sarebbe costata migliaia di euro. Ora però dovremo far fronte alle spese di smaltimento, che – oltre ad essere elevate – non potranno nemmeno seguire il protocollo di raccolta differenziata». Un problema, quello dell’abbandono dei rifiuti, con cui Alice combatte da anni e che potrà essere debellato solo con politiche di prevenzione, visto che quelle di repressione sono fallite. «Le telecamere nei boschi – spiega Petrino – non si possono mettere, inoltre le guardie forestali e i guardiacaccia sono sempre meno. Questo ha determinato una crescita esponenziale degli abbandoni di rifiuti. Per debellare questo fenomeno non ci resta che l’educazione: progetti educativi soprattutto per i giovani».

Nella foto: I rifiuti ammassati nel cortile del Municipio

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità Alice Castello

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo