Sversamento di “qualche decina di litri” di acqua radioattivaArticolo precedente
Ad Alice Castello pagare le imposte era facoltativoArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Accorato appello di don Edoardo ai fedeli: «Fate tutti un obolo per il nuovo oratorio»

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Accorato appello di don Edoardo ai fedeli: «Fate tutti un obolo per il nuovo oratorio»

CRESCENTINO. Mancano 300 mila euro: «possiamo evitare di accendere un mutuo?».

A seguito della rinuncia del Comune all’acquisto dell’oratorio di via San Giuseppe, il parroco don Edoardo ha lanciato un appello alla comunità per reperire i fondi mancanti per completare la costruzione del nuovo Oratorio. I lavori stanno procedendo, arrivando alla Madonna del Palazzo si possono vedere i pilastri che si ergono e la recinzione rossastra del cantiere spicca nella bruma autunnale.

La Cei (Conferenza episcopale italiana) finanzia il 75% della spesa, che supera il milione di euro, ma servono ancora 300 mila euro. Venendo meno la vendita del vecchio Oratorio la somma è totalmente da reperire: “La parrocchia – spiega don Edoardo – sarà costretta a fare un mutuo bancario (con tanto di spese di interessi). La domanda è questa: potremmo evitare questa ulteriore spesa? Ci rendiamo conto della crisi, ma se ci fosse una generale mobilitazione, con poco di ciascuno, potremmo farcela. Allora noi sacerdoti ci rivolgiamo a tutti: fate un giusto obolo, secondo le proprie possibilità! Così potremo dire che ci sentiamo partecipi di questa opera ed esprimeremo concretamente l’appartenenza a questa comunità. Il sacrificio sarà ripagato, perchè le realtà che lo richiedono, saranno apprezzate di più. Grazie per la vostra generosità!”. Così si conclude l’avviso letto al termine delle celebrazioni.

Non è un momento facile per la parrocchia di Crescentino: la necessità di pagare i lavori man mano che procedono, continuare a sostenere l’attuale struttura utilizzata per molteplici attività, trovare soluzioni insieme agli altri componenti del consiglio di amministrazione dell’asilo privato per la manutenzione del verde. Si vedrà nei prossimi mesi quale sarà la risposta dei crescentinesi.

Silvia Baratto

Nella foto: il parroco mostra i lavori in corso a vescovo e sindaco.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

la prima pagina del giornale in edicola

Mercoledì 10 Dicembre 2014 la prima pagina del giornale in edicola

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero
December 29, 2014 Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero

- essere rinviato a giudizio per calunnia nei confronti di un pubblico dipendente http://www.lagazzetta.info/pasteris-denuncia-il-geom-ceresa-per-abuso-dufficio-e-peculato-ma-e-un-bo… [...]

vedi articolo
Jokrah
August 12, 2014 Jokrah

La toponomastica funziona. Dovrebbero funzionare però anche i ritrovamenti archeologici. Anche nell'area nord orientale del [...]

vedi articolo