LIVORNO FERRARIS: Alla cava Coppa è tutto sotto controlloArticolo precedente
Fino al 6 luglio - Vercelli: Mostra Articolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Fino al 27 luglio – Vercelli: “Umberto Ravello, la natura inquieta” al Museo Borgogna

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Fino al 27 luglio – Vercelli: “Umberto Ravello, la natura inquieta” al Museo Borgogna

Vercelli. (c.car.) Mostra su un artista vercellese di inizio secolo.

Aperta giovedì 27 marzo e resterà visitabile fino al 27 luglio al Museo Borgogna la mostra curata da Alessia Schiavi con la collaborazione di Sergio Rebora dedicata a Umberto Ravello (1881- 1917): la natura inquieta.

Il Museo già possedeva dipinti dell’artista vercellese, che si sono arricchiti del deposito decennale in comodato gratuito ricevuto dal Museo del Novecento di Milano del dipinto Risaia. L’olio su tela di 75 cm per un metro fu comprato nel 1922 dalla Galleria d’Arte Moderna di Milano ed è poi passato al Museo di Palazzo dell’Arengario e di qui ora al Borgogna fino al 2023.

Intorno a questo nucleo il museo vercellese ha raccolto le opere di alcuni collezionisti che le hanno messe a disposizione per la mostra.

Si tratta complessivamente di 35 tra dipinti e disegni, collocati in tre sale, che ricostruiscono l’evoluzione del percorso biografico e stilistico di questo pittore nato all’ombra del Sant’Andrea, che ha arricchito la sua formazione artistica a Venezia, Firenze e Parigi ed è scomparso nel 1917 a 36 anni durante la prima guerra mondiale.

La Fondazione Crv, la Compagnia di San Paolo e il Comune di Vercelli hanno appoggiato questo progetto di riscoperta dell’artista vercellese, improntato con particolare attenzione alla sua originale interpretazione del paesaggio, esemplata in Risaia.

Maggiore di un anno e amico del paesaggista e ritrattista suo concittadino Edgardo Rossaro, nella produzione pittorica di Ravello sono numerosi e interessanti i riferimenti a linguaggi figurativi contemporanei, ad artisti come Pellizza da Volpedo, Vittore Grubicy e Giovanni Fattori, Arnold Bocklin e Giovanni Segantini e alla scuola nabis.

Domenica 30 marzo alle 16 la curatrice Alessia Schiavi condurrà un percorso guidato fra le opere in mostra, ripercorrendo la vita e i rapporti di Ravello con il mondo dell’arte italiana ed internazionale. Su prenotazione al numero 0161.252764 oppure 0161.252776. Biglietti: 10 euro.

Da giovedì 27 marzo a domenica 27 luglio, secondo orari di apertura, Museo Borgogna, Vercelli.

Nella foto: Umberto Ravello, Risaia, olio su tela.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo
gie-uaugizzu
June 11, 2017 gie-uaugizzu

Per la cronaca: qualche giorno prima della commissione sono stato contattato da Renato Bianco, in [...]

vedi articolo
direttore
June 07, 2017 direttore

bene: tutti d'accordo sul sorteggio, allora, metodo migliore per evitare (possibili) favoritismi. se domenica ai [...]

vedi articolo